lunedì 8 ottobre 2012

C'ERA UNA VOLTA

ssssssssssssttttttttttt............ state zitti che tutti dormono...
se state buoni ve ne racconto un'altra.....
.....una storia senza capo nè coda....
.....di una persona...

...a volte carina, a volte molto meno.....
...a volte bimba, a volte maresciallo...



...a volte ocarina          

....a volte proprio ocona.......
a volte quasi perfetta....a volte proprio fuori tema e fuori luogo....
...oggi voglio salutare chi non c'è....
....chi per un motivo o per un altro ha preso un'altra strada e ha scelto il silenzio..
...lo saluto senza far nomi ma con delle immagini....




..ma gliel'hai detto????.....sento la voce ella donna cannone
 ripetermelo in continuazione.... ma gliel'hai detto???.....

...io credo di aver detto qualcosa....

.... ma si sa.... parlo così in fretta.... forse non mi sono spiegata bene e non mi sono fatta capire.....















your love di ennio morricone e dulce ponte, grazie..

martedì 28 agosto 2012

Chi sarà Salvatore ?


Parte di un capitolo, oggi il secondo....

Leggero lo aveva lasciato la sua uscita di scena dal mondo delle tecnologie informatiche, ora era solo un utente e non doveva più vendere nulla di quei concetti marketing che tanto aveva dovuto blandamente digerire fino a pochi mesi prima. Dodici anni ed io in un solo saluto, così aveva parafrasato uno dei suoi cantautori preferiti, nei saluti ai colleghi, via mail. La sua quarta vita era iniziata il primo gennaio del 2012, non era affatto disperato, la leggerezza può essere un problema se è incoscienza, la sua invece se la sentì dentro come una liberazione. Animo leggero come una forza inarrestabile per il cambiamento che doveva avvenire, di sicuro, non sapeva quando, ma stava arrivando. Sentiva da parecchio il richiamo per uscire da quella vita solo in apparenza all'avanguardia, innovativa, piena di nuove scoperte tecnologiche, illusorie e finte. La sua esistenza non era piena , anzi, come aveva letto da uno dei suoi tanti filosofi, amici delle sere di lettura, la vita se non esiste nel senso è solo una vita senza esistenza, quindi un effetto placebo di vita.
La sua cara amica e collega Clara, lo sapeva e quando lui le comunicò che era giunto il suo momento, con la classica imboscata delle “umane” multinazionali, fu dispiaciuta, ma sapeva che Salvatore, seppur in momento difficile per la sua età ,non era poi disperato, aspettava quasi come una “bella” sorpresa quell'incontro.
Mattino di sole, viaggio verso Milano alla sua sede, per un finto incontro con il suo nuovo capo (lui non sapeva che era un'imboscata), per discutere della sua vita in azienda con quella che le multinazionali chiamano revisione della “performace” annuale. Era la sua dodicesima volta, ormai era abituato alla sequela di luoghi comuni e di ipocrisia . Celava a fatica questo fastidioso gioco delle parti. Un dialogo fra due bugiardi che fingono di essere sinceri e trasparenti, in realtà sono due maschere della commedia tragica della vita che si confrontano , sapendo già come andrà a finire, ma fingendosi disponibili a dire la verità. Nulla a che fare con la tragedia greca, dove l'animo umano seppure spaventoso e spaventato dal suo male, conscio del conflitto, portava sempre ad una catarsi liberatoria, almeno nel pubblico. Qui il pubblico non c'era e gli attori erano scarsi o al massimo mediocri manager, e il dipendente un protagonista simile alla vittima sacrificale sorridente. A Milano in una sala riunioni molto più banalmente ci si prendeva in giro tra un manager ed un sottoposto, con fare sorridente e diplomatico. Nella tragedia uno dei due avrebbe fornito all'altro la morte dignitosa alla quale anelavano i greci. Nel caso della performance alla fine si alzavano, si stringevano la mano con un pallido sorriso, si pensava che vita stupida si viveva, uno che conosceva poco e male l'altro lo giudicava più o meno bravo nel suo lavoro (che spesso conosceva poco). Il manager giudicava la validità umana del dipendente, magari avendolo incontrato qualche volta in un anno e con qualche decina di telefonate di lavoro, al tutto dando un tono di oggettività così fasulla che non lasciava scampo al sottoposto . Il massimo della democrazia nei rapporti tra manager e suo riporto in una multinazionale era questo ! (sottoposto era un termine non eticamente corretto, ma era la realtà di fatto)
Quella volta però non fu così. L'aria era fresca, la sala grande e il suo alto (fisicamente) ex capo arrivò, faccia di circostanza, ebete, un poco contrita, occhi che non guardano mai in faccia diritto , non per niente era definito muro di gomma, umanamente una nullità, un finto manager, ce ne sono a migliaia nel mondo, forse lo sono quasi tutti.
Frasi di circostanza, la crisi, l'età, la possibilità che l'azienda ti vuole dare per uscire con dignità, in modo “umano”. Il lavoro del bastardo porta sempre un malessere,che si supera, ma quel poco di fastidio tutte le volte che lo si deve fare, disturbava il suo ex capo, quella piccola parte di umanità gli avrebbe creato forse un po' di acidità all'ora di pranzo. Se ti serve qualcosa, disse, se hai bisogno di consigli, continuò, puoi telefonarmi, mentre vai a casa a dirlo alla famiglia, fingendo compassione partecipata, lo so che è difficile arrivare a casa e dire che tra non molto sarai a casa , concludeva, per farle inghiottire il rospo. Salvatore, pensava, disoccupato ultra cinquantenne! (l'istinto gli diceva di urlare, bastardo di merda, ma furono pochi attimi di rabbia)
Dentro di lui, lo spilungone, pensava, fatti coraggio caro, io di attività così ne ho già fatte altre, si vive bene comunque, basta avere la faccia di gomma e pensare poco. Ecco perchè Salvatore non avrebbe mai fatto il mestiere del suo ex capo, bisogna esserci tagliati, avere il fisico del ruolo, lui lo aveva, Salvatore non lo avrebbe mai avuto anche se lo ricoprivano d'oro, vecchi e insani principi di un mondo che era finito da tempo, lo guardò senza parlare si alzò e lo seguì, ormai lo sentiva da lontano, quello che diceva era poco essenziale.
Settimo piano, il capo del personale, una donna giovane dedita al suo lavoro, li chiamano manager delle risorse umane, a volte ci si chiede se la preferenza sia più per umane o per risorse . Il numero è quello che conta, devono secondo un budget prestabilito far uscire un certo numero di teste entro l'anno solare. Ridurre la risorsa a testa, umana era quasi una scocciatura, il passaggio da persona a testa da tagliare è un percorso di 6 piani con imboscata. Era passato da persona a testa in qualche piano di salita, non che prima durante l'imboscata, non avrebbe già voluto insultarlo, il bastardo, si calmò, anche oltre le sue aspettative. Essere un commerciale serviva, i corsi fatti lo aiutarono e forse anche l'esperienza di anni, un bel respiro e via a ragionare. Nuova vita, cavoli così di colpo, cosa cambiava se lo annunciavano un mese prima e dicevano pensaci ? Forse nulla, però sarebbe stato un altro rispetto, dare un giusto peso ai suoi dodici anni spesi lì. Inezie, meglio la sostanza di quel momento, tosto, pieno di adrenalina. Calò una calma, seppure apparente mentre da un lato la lettera di licenziamento veniva posta sul tavolo e dall'altro l'assistente della capo delle risorse “umane” descriveva che avevano deciso di trattarlo bene, non volevano farlo uscire con poche mensilità, avevano rispetto del suo lavoro, non avevano spiegazioni del perchè doveva uscire, o almeno solo in parte, età, ristrutturazione, cancellazione della figura, in realtà balle. Le teste, e lui era una di quelle, dovevano diminuire, il budget di uscita era definito, la lettera di incentivo scritta dai legali, con attenzione, gliela diedero, faccia con calma, entro due giorni ci faccia sapere se accetta la nostra proposta, non c'era il mitra mafioso sul tavolo, ma il tono, non era amichevole né dubitativo. Grazie alla età e ad anni di trattative, si scoperse a pensare, prendi questo tempo, giocalo a favore, fatti dare il documento di accordo , leggi bene tutto e consulta i legali, del sindacato e indipendenti, si doveva fare in quel modo.
Furono i santi e i morti a fornirgli un aiuto in più, Novembre inizia con loro, e i manager del personale a volte sono poco attenti a queste banalità, ma una settimana in più gli diede quel tempo giusto per fare tutti i suoi ragionamenti e le consultazioni, ma fin dal momento in cui uscì dal primo incontro al settimo piano, dentro di lui era già deciso, Salvatore se ne andava a testa alta, niente contenzioso se non era assolutamente necessario, loro non lo meritavano più, ma lui doveva andarsene con lo stile che sempre aveva avuto, lui non era come il verme lungo e viscido dell'imboscata. Cinquantasei anni, una bella età per iniziare la quarta vita, ognuno ha il suo karma, gli diceva sempre la sua amica cuoca amorevole e spirituale, e quella signora seguace di Khrisna che incontrava al mare tutte le ultime estati . Quando il karma arriva lo devi sentire, alle persone puoi mentire, il destino puoi solo assecondarlo, ti aspetta, la verità è segnata davanti, stava a lui scoprirla, il futuro non esiste è un presente continuo, il divenire da sempre letto era realtà. Questo lo decise, niente contenzioso, libero con il massimo ottenibile come incentivo, capendo che aveva uno spiraglio per contrattare e quello era sempre stato il suo lavoro, capì il limite della loro disponibilità e provò ad arrivarci vicino, non seppe mai se poteva avere di più, ma si disse se questo mi farà dormire bene è il mio miglior risultato possibile. Grato a Tiziano ed ai sui libri, cominciò a coricarsi tranquillo fino a quel mattino della firma definitiva. Allora ebbe una sensazione di emozione mista a nostalgia, erano pur sempre dodici anni della sua vita, fatti di molte ore con gente a volte anche amica e spesso simpatica. Nostalgia e tristezza si mescolarono, non erano distinguibili, quel mattino gli fecero compagnia ma poi passarono con l'avvento della quarta vita.
Arrivò presto a Milano quel giorno della firma definitiva dell'accordo di uscita, bighellonò vicino al centro, era quasi Natale, alla fine l'aveva tirata fino alla fine del mese di Dicembre, finiva tutto il 2011, pensò all'ultima visita alla sede della sua ormai ex azienda, quando andò a firmare il documento, l'accordo privato che andava poi ratificato davanti a dei formali rappresentanti delle parti (quanta falsa spietata legalità ipocrita c'è nel mondo del lavoro) . Incontrò il bastardo, quello alto, l'ex capo, in ascensore, la scena fu da commedia all'italiana. Una sua collega amica gli chiese come andava, se era triste, sapeva della sua uscita. All'ultimo secondo prima della chiusura delle porte balzò dentro lo spilungone. Fu un solo piano, veloce, ma fece in tempo a fissare il soffitto a pochi centimetri dal naso, ci sono gli uomini e le amebe nella scala degli esseri viventi, si era posto in pochi attimi in fondo a quella scala. Dentro la pertica umana, la sensazione di essere un escremento era stata percepita in tutta la sua grandezza, sia da loro due che da lui stesso ed era dovuto uscire subito, tanta era la puzza interiore che emanava, ne ebbe la certezza fin da subito.
Nel suo intimo Salvatore fu felice, sorrise all'amica collega, che scosse il capo incredula, era il suo nuovo capo, più di tanto non poteva esprimersi, ma avevano capito entrambi.
Arrivò comunque in anticipo e si accomodò dopo uno scambio di battute di circostanza con la Notaio nella stanza spoglia con poca luce presso l'associazione che gli avevano detto.
Ecco, fu in quel momento che arrivò come un lampo, il verso, “ dieci…anni in poche frasi ed io in un solo saluto ….” , solo che per lui erano dodici anni. Così si sentiva in quel momento, strano, come non pensava di essere, con un senso quasi di libera serenità, non c’era più nulla che lo avrebbe legato a loro, in pochi giorni avrebbe cominciato il suo esodo, non sapeva dove ma conosceva ormai quando .
Erano già parecchi giorni, quasi un mese, che aveva già finito di lavorare per loro (nel senso che era ancora in forza, ma risultava come in aspettativa), quello era il rito ufficiale così poco rituale e così meschino come lo sono questi esodi incentivati per gli ultra cinquantenni, Salvatore ne avrebbe avuti di lì a poco cinquantasette, ormai inutili, eppure lui era uno dei fortunati, perché in breve la legge poteva cambiare e nemmeno quelli già agiati come loro sarebbero più stati incentivati ad andare a cercare una nuova vita , il loro era un destino segnato, avevano avuto il benessere, anzi erano stati la classe media con maggiori vantaggi negli ultimi trenta anni, tutto il mondo occidentale era cresciuto grazie al loro lavoro, alcuni avevano corrotto, altri avevano avuto accesso al prepensionamento, altri avevano evaso milioni, loro erano quelli che per tutti quegli anni avevamo mantenuto in piedi il sistema con il lavoro, alcuni forse un po meno, altri avevano fatto carriera, ma quelli che non erano diventati terroristi o politici, avevano seguito due strade: i manager più o meno corrotti e integrati in modo palese nel sistema, poi quelli come lui che erano rimasti in ombra e fedeli solo a parole alle istanze sociali della equa distribuzione e della società del buon capitalismo socialdemocratico, La situazione era poi peggiorata ancora; c'erano stati i corrotti e gli evasori sempre più numerosi e dediti solo al profitto ingordo, fatto con la finanza speculativa e rapace degli ultimi 20 anni .Ora erano i figli di quella generazione di capitalisti della economia produttiva e li facevano fuori con il finanzcapitalismo degli anni 2000, nessuno più si ricordava della new Economy con la prima bolla speculativa del 2001 con la crisi del 2002! Anche allora successe quello che in pochi mesi decretò la prima ristrutturazione di molte multinazionali, era il campanello di allarme che segnava il decennio, ma solo pochi ebbero il coraggio di ammetterlo sui media. Arrivò così nel 2011 l'attacco al debito sovrano. Aveva messo in ginocchio mezza Europa, Salvatore era, nel suo solitario ultimo viaggio a Milano, diventato uno dei tanti quasi anziani che avrebbero lottato per non finire in una serena ...povertà materiale. Un figlio all'università ed una moglie già precaria ma con un mestiere da laurea, la fisioterapista, uno di quei mestieri che tutti pensano che sia fantastico perché fa star bene il prossimo, ma che per la maggior parte è un altro di quei bei mestieri dove comunque resta solo la passione di chi lo fa, mentre la ricerca del profitto a scapito dei pazienti di chi gestisce i centri, trasforma la terapia in una specie di catena di montaggio del finto benessere sperato. Il mondo ormai da anni funzionava così e solo una piccola parte delle persone sembrava essersene accorta perchè ancora la fame non aveva preso lo stomaco realmente e quindi la macelleria sociale era ancora abbastanza silente anche se alla fine di quel terribile 2011 era ormai arrivato più di un segnale che il tempo stava finendo, la società occidentale era alla fine del suo apice, era innegabile. C'era stato, è vero, già un terribile 2008 ma per certi versi molti economisti (uomini ormai più fallaci dei politici....) si erano cullati con la certezza che dopo aver pagato le banche, (soprattutto quelle americane, le grandi banche di affari !) i titoli tossici e le speculazioni si sarebbero ridimensionate, non fu così ! La crisi reale della democrazia continuò e la finanza globale arrivò al suo secondo obbiettivo, affondare l'unico continente che poteva porre un freno al divampare del nuovo schiavismo mondiale, l'Europa. L'unico posto dove ancora lo stato sociale aveva mantenuto una sua realtà di diritto dei lavoratori e la povertà era ancora defilata, i sindacati avevano ancora qualche residuo potere contrattuale per arginare il nuovo capitalismo globale , il vero Moloch ideologico del mondo che tramite la sua coniugazione con il “mercato” e l'economicismo politico aveva ucciso ogni speranza di rivalutare la politica in senso greco (filosofico, quindi nulla a che fare con la Grecia del 2011) e di conserva affondato la democrazia reale. L'attacco al debito sovrano arrivò come un fulmine sulla vita delle persone e la Grecia fu la prima vittima sacrificale, una nemesi storica, la vendetta ultima del materialismo sullo spirito ideale della filosofia occidentale, l'uccisione di ogni senso della vita iniziato dalla fine degli anni 70 del secolo scorso compiva il suo ultimo sacrificio, i greci venivano annientati.
Salvatore, durante quegli anni dal 2008 al 2011 aveva spesso pensato che il suo percorso con quella azienda era da considerarsi finito, ma sapeva bene che fuori non c'erano alternative almeno come lavoro dipendente, per essere una partita IVA precaria si faceva sempre in tempo, così se ne era rimasto buono, allineato, per quanto gli era possibile, coperto, faticando non poco a fare lo yes man. Il nuovo AD desiderava così , era stato messo in quel ruolo per farne fuori almeno qualche decina all'anno, ma non era un limite invalicabile. Infatti dal 2009 cominciarono le silenti operazioni di “aiuto” alle dimissioni, mestiere per il quale in corso d'opera cambiarono anche il dirigente delle risorse umane, passarono da un lui ad una lei, alcuni gli dissero che la lei era la compagna di lui...un mezzo nepotismo aziendale!
Quello che Salvatore andava a firmare, in termine burocratico sindacale aziendale si chiamava incentivazione all'esodo. Il termine Esodo gli ricordava però ben altre storie, popoli che attraversano mari, distese di gente che con i carri colmi di masserizie migrano in territori più ospitali, navi carretta colme di gente disperata, questo gli veniva in mente se pensava ad un esodo. Il loro, invece, (il suo e quello di altri, nella sua stessa multinazionale o altrove era molto simile) era un licenziamento singolo di un “povero” quadro o dirigente, che si trovava in una certa fase della sua vita a trattare un suo futuro incerto con gente, di una meschinità ed una freddezza umana impareggiabile, salvo poi dire in pubblico che soffrivano a fare certe cose. L'esempio più eclatante era stato in quel periodo la ministro (tecnico!?) di quel tempo, appena nominata alle politiche del lavoro si fece il suo bel pianto davanti alle telecamere perchè doveva affamare i pensionati e mollare a loro oltre i cinquanta (trasformati poi in un lessico nuovo col nome di “esodati”) una bella altra dose di anni di lavoro, con i contributi incerti da versare, per arrivare (se rimanevano vivi ) ad una povera pensione vicino ai 70 anni. La strada era in salita, non si sapeva quanto dura , ma verso una non sempre dignitosa povertà. Il pensiero della miseria più nera però non lo assalì mai, perchè capiva anche che la sua condizione era ben diversa e migliore di molti altri, già poveri fin da subito. Ma il suo spirito era più sereno,anche per Tiziano che lo aveva aiutato in quel senso. Tiziano non aveva perso il lavoro , ma aveva scoperto che doveva convivere con un tumore e aveva scritto il più bel libro sulla morte che avesse letto, lo consigliava a tutti, così come un atleta di 73 anni , lo aveva consigliato a lui . Il “giovane” nuotava con Salvatore nella piscina dove andava tre volte alla settimana alle sette di mattina, ormai da anni. Questa era la prima via della sua disintossicazione, dal senso oppressivo del lavoro, il nuoto e il dolce massaggio dell'acqua, temprare il fisico per resistere alle intemperie sociali e alla possibile depressione spirituale, adorava quel rimedio. Quasi con sorpresa, inconsciamente, da lungo attesa, aveva la sua libertà, abbandonava la multinazionale tra le più famose del mondo e non era tanto disperato, forse era pazzo, ma la sua sembrava una follia sana, l'inizio della nuova vita, l'ultima data l'età, come diceva il suo amico di camminate, un maestro di vita, l'aspettativa di vita era sui 20-25 anni, doveva quindi darsi da fare.
Iniziò con il lavoro nei campi dell'amico agricoltore da due anni, anche lui ex informatico, poi si iscrisse alla università per adulti e riprese i sui libri di filosofia, ampliò i suoi orizzonti e stava come in un limbo sereno, sensazione che non provava da anni.
Cominciò ad incontrare persone che la pensavano come lui ed era tempo quindi di muoversi insieme a loro, ed incontrò l'amico cinese del movimento di HU, fu allora che capì che il mondo stava davvero cambiando, un'altra utopia era possibile, quello era il mondo della nuova economia, l'unica reale innovazione che li avrebbe salvati, l'economia che diventava una delle tante attività che formavano la vita degli uomini, non come allora l'unica attività alla quale l'uomo dedicava la vita!
Riscoprì la poesia, si rimise a scrivere, fotografò la neve, caduta abbondante quell'anno, era anche un volontario, felice in ogni cosa che faceva trovava il senso giusto e la giusta misura delle cose che lo circondavano, il mondo doveva essere bello anche se apparentemente più povero, molto dipendeva dal suo sguardo, in realtà la stabilità e il senso di sicurezza aveva imparato sono degli stadi illusori, è il cambiamento che deve guidarci, 12 anni a fare lo stesso mestiere erano stati il periodo più lungo della sua vita, in questa nuova Salvatore avrebbe trovato le nuove relazioni per il futuro e avrebbe difeso la sua vita e quella della sua famiglia da un disastro annunciato, ma il tempo per affrontarlo era davanti e offriva tante possibilità di speranza, il suo sano ottimismo preoccupato non lo avrebbe lasciato solo.



venerdì 24 agosto 2012

TUTTI INSIEME APPASSIONATAMENTE E AVANTI CON I CARRI

C'era una volta un benzinaio
 e un gommista...... due lavoratori, due sbordelloni.......
                                          in quel di via saliceto, a bentivoglio.....
.....quando il benzinaio arrivava il mattino e cantava, voleva dire che pioveva .......
...poi arriva una mezza cuoca, suonata più di una      campana, e sbordellona anche lei......
...e si comincia il rito..... chi prima arriva alla mattina suona il clacson.....e giù concerti......
..... si aggrega il meccanico..... il venditore di prodotti per infortunistica.... il bar.....
...e nasce la banda degli strombazzoni.... in dialetto bènda ad strumbazzòn, perchè uomini di popolo siamo, semplici, lavoratori, e ci vantiamo delle nostre origini...... ma siamo sbordelloni dentro.....
..... il benzinaio ( c'ha l'occhio avanti, niente da dire......)  già in tempi non sospetti aveva l'abitudine di offrire ai propri clienti crescentine una volta l'anno......
.... poi per difficoltà organizzative, un anno ha saltato...... e allora la cuoca-zdoura ( màta com un sdàz)
comincia a dire:
...mò che problema c'è a far due cosine da mangiare.... mò ci penso io ad organizzare.....mò dai che ci penso io anche a  far da mangiare, cosa ci vuole, friggo anche le tue ciabatte, è la mia passione...... dai che ci facciamo gli auguri di buone ferie.... e così tra il serio e il faceto anno scorso raduniamo un centinaio di persone.... e ci facciamo una gran mangiata.....
...arriva quest'anno...... il comitato freme..... e alla cuoca viene l'idea brillante ( soccia, bisogna proprio dirlo, è una donna con le palle.....)
..sentite, dice... io ci sto..... ma dobbiamo dare un significato maggiore alla festa..... perchè non facciamo anche un pò di beneficenza......
..... la cosa non è accolta positivamente da tutti..... ( a forza di prendere delle fregature, la gente comincia ad essere diffidente.....) ma per maggioranza si decide..... e che festa di beneficenza sia.....
e cosi..... il  3 agosto 2012  facciamo TUTTI INSIEME APPASSIONATAMENTE.... E AVANTI CON I CARRI



......eravamo in 92, persone che hanno capito ( anche chi non ha approvato, comunque, la sera , ha voluto esserci, onore al merito....), persone che hanno lavorato e pagato, persone che hanno anche solo pagato ma che volevano esserci. Grazie. A tutti.
Abbiamo raccolto 1465 euro, e dedotte le spese , ne sono rimaste 1260.
Andranno in parte alla parrocchia di S.Felice sul Panaro e in parte all scuole Quaquarelli di S. Giovanni in Persiceto.
E adesso, come persona direttamente coinvolta mi sento di dire qualcosa a titolo personale.
Sono io che io deciso dove utilizzare il denaro. Non lo so se è la scelta giusta. So che ci ho provato. Una è un'idea mia , l'altra mi è stata proposta. So che questo immobilismo che viene fuori dalla paura di cascare in una fregatura è allucinante, assurdo. Ma cosa siamo diventati? perdiamo più tempo a criticare che a fare...... è chiaro che chi fa è soggetto a critica... ma è anche altrettanto chiaro che se fosse aiutato , porterebbe a termine meglio il lavoro.... c'è qualcuno che vuole venire con me alla parrocchia a consegnare il denaro? c'è qualcuno che è disposto a seguire il parroco per vedere in cosa saranno impiegati i soldi per poi riferire agli altri? C'è qualcuno che ha tempo di parlare con il comitato dei genitori della scuola di S. Giovanni e fare altrettanto?. Io entro il 31 agosto voglio consegnare il denaro. fatevi avanti, altrimenti piantatela con queste critiche sterili.
E poi voglio dire un'altra cosa. intanto grazie al benzinaio, perchè davvero la sua rete di conoscenze ha fruttato un sacco, quasi tutti suoi sono gli agganci con gli sponsor, quindi onore al merito.
Quando la festa è terminata,e le luci della ribalta si sono spente,  dietro le quinte servono quelli invisibili a cui nessuno dice mai grazie, quelli che devono sgombrare, riportare via i tavoli, buttare via il rusco.....
 io pur avendo avuto grandi adesioni , io ero sola........
Il benzinaio invece aveva una squadra intera...... vecchietti operosi  ( dico vecchietti in termine affettuoso)
che in silenzio e con gesti precisi hanno dato una mano, con il fare di quelli che la sanno lunga.... e ne hanno vista passare di acqua sotto i ponti.....
.....ma io ho sorriso dentro di me......e ho pensato che in realtà ci sono oggi dei ragazzi ch diventeranno nel tempo come questi vecchi..... e mi sono venuti in mente i ragazzi della pubblica di sasso ( quando ci penso mi viene sempre da dire " i miei ragazzi"... c'è stato un tempo in cui io mi sono sentita la loro mamma e loro erano contenti di avere una mamma così suonata.....).....ma questa è un'altra storia.... e la racconterò un'altra volta......
Martadelcomitato

giovedì 16 agosto 2012

Time has told me

IL TEMPO MI HA DETTO

Il tempo mi ha detto
Che sei una rara scoperta
Una tormentata cura
Per una mente tormentata

E il tempo mi ha detto
Di non chiedere di più
Un giorno il nostro oceano
Troverà la sua riva

Lascerò allora tutte le strade che mi fanno essere
Ciò che in realtà non voglio essere
Lascerò tutte le strade che mi fanno amare
Ciò che in realtà non voglio amare

Il tempo mi ha detto
Che sei giunta con l'alba
Un'anima senza impronte
Una rosa senza spine

Le tue lacrime mi dicono
Che non c'è proprio modo
Di metter fine ai tuoi affanni
Con ciò che puoi dire

E il tempo ti dirà
Di stare dalla mia parte
Di continuare a provare
Finché non ci sarà più nulla da nascondere

Lascia allora tutte le strade che ti fan diventare
Ciò che in realtà non vuoi diventare
Lascia tutte le strade che ti fanno amare
Ciò che in realtà non vuoi amare

Il tempo mi ha detto
Che sei una rara scoperta
Una tormentata cura
Per una mente tormentata

E il tempo mi ha detto
Di non chiedere di più
Un giorno il nostro oceano
Troverà la sua riva

                                          Nick Drake

mercoledì 15 agosto 2012

IL DIALETTO BOLOGNESE Cum ieran bì cum ieran bòn

.... lo adoro. e adoro Bologna. Bologna d'estate è splendida, aancora a misura di bolognese, credo.
e quindi comincio una storia della bassa, sburdlòna, anche se mi mancano ancora delle immagini per corredarla; non importa, le aggiungerò via via. E' festa, ho voglia di ridere.....
STORIA AD TRAI RAGAZòLI, DLà FAMAIA CARìS E VOJA AD RèDAR
succede che un giorno, tanto tempo fa,  nel bel mezzo della cura con pastigline e pastiglione da zeroeussa                                   martaclasemparfuria     sbaglia clamorosamente e per due giorni scambia un tipo per un altro ( cazzo, si assomigliavano....) e prende in dosi massicce una pastiglia già pesante e con pericolosi effetti collaterali. Un pò si spaventa, poi rassegnata, telefona alla sorellapreferita e l'avverte: senti, se stanotte con la luna piena senti ululare, vedi di far qualcosa......( mi sono rifiutata di andare dalla dottoressa a raccontarglielo, era troppo una figura da scema......)
Per farla breve, dopo quella notte ( c'era pure la luna piena, mannaggia.....) io ho scoperto di essere stata posseduta, ma non dal lupo mannaro bensì da.......:
ORFEOversione sguardo angelico
ORFEA..... il boss in assoluto , dove passa lui non cresce più neanche l'erba......
RUSATTA..... da chi se no ho ereditato la passione per la cucina....e per le piante...(e comunque, guardatela nella foto, tutta me quando sono incazzata...)
LA CESARINA.... oh, perchè la cesarina mi sembra "spippola"(biricchina birriccò in italiano) come me.......
dite mo' che non ho ragione............
....a volte fanno capolino tutti e 3 insieme, altre si sporgono da soli, insomma è un possesso imprevedibile....
sull'onda di questa cosa ho dato i "possedimenti" (lo diceva sempre la tanina di fare le cose uguali per tutti....) anche alle mie due sorelle 
a dinonelievitomadre è toccato ADOLFO (io Adolfo che si aggiustava la caparèla  sopra la bicicletta me lo ricordo ancora.....e poi era il più alto.....)
la TANINA ( e direi, è d'obbligo ) e poi la MARIA ( com'è che non è nella foto?era ritenuta la più bella delle sorelle....)
l'irene invece, sorellapreferita nonchè nècarnenèpesce....fluttua ancora, a volte propendo per uno, a volte per un altro  di certo ha DUILIO ( gambe aperte anche lui,nella foto, segno di potere.....)poi la NORMA-NORMAL ( ma come sarà mai stata sta norma normal.....) e poi, visto che non so perchè per me sono sempre stati uguali, gliene diamo 2 al prezzo di uno: GIGIONE E LOTARIO-
Rimane ORESTE, ma io Oreste l'ho conosciuto veramente poco.....e l'AMELIA. L'Amelia era nella foto dei fratelli perchè rappresentava MARCELLO, il fratello più grande morto. Marcello io non l'ho mai conosciuto, ma tutti ne parlano tanto bene....e l'AMELIA era sicuramente una donna con le palle. Non me ne vogliano le altre sorelle tutte, ma l'Amelia era su di una spanna a tutte le donne Carisi, non solo di altezza. sicuramente per lei non è stato facile . eppure ce l'ha fatta.


la Ragazola dinone, come Mingardi nel sottofondo di questa canzone con il maestro guccini, replica.... ma ovviamente a modo suo.... e un piccione mette nella mia buchetta la seguente lettera:
Mi chiami zio Adolfo e mi chiedi di scrivere sul compiuter?Io sono Adolfo dentro e fuori. lui aveva sempre la stessa sporta attaccata alla bici, io non uso mai le sporte di plastica: Ho sempre le mie di stoffa in tasca anchequando vado in farmacia. Riciclo il sacco del pane ( lo do io alla commessa) quando vado dalla fornaia, e quando si rompe lo uso per l'UMIDO. Così anche per le verdure dal mio fruttivendolo. Fine della 1a puntata.
Scrivere sulla carta ti resta il piacere e l'odore di chi ti scrive. Poi sul compiuter tutti leggono, io spedisco la malacopia, nessuno la leggerà mai, pensano che sia la lista della spesa.......

è probabile che abbia forzato un pò a pubblicare.... ma mia sorella è davvero un capolavoro di originalità....
alla prossima, buon ferragosto....



venerdì 10 agosto 2012

LE TRE OCARINE, RADICI E ORIGINI

Le vere origini delle tre ocarini nascono dalla favola raccontata in dialetto dalla mia nonna materna, Maria , anche lei donna con le palle .... ma di lei non posso parlare stasera perchè cerca che ti cerca non ho trovato una sua foto ,e la sua storia la racconterò un'altra volta....
stasera parlerò di queste:

Dinonelievitomadre si riconosce, la minimartanarcisa pure..... santamariagoretti invece, dispensatrice di benedizioni è la sorellapreferita, detta anche nècarnenèpesce..... non lasciatevi ammaliare dallo sguardo angelico che c'ha un caratterino che è tutto dire.....,
.... guardatela qua che si finge sguattera qualche anno dopo e qualche clilo in più...

Dinonelievitomadre ha l'aspetto della rosanna vaudetti prima maniera.... e io già c'ho lo sguardo che la dice lunga.....da grande polpetta.... dietro ci sono i genitori, ma non guardateli, di loro parlerò prossimamente...
All'epoca di questa foto io stavo mooolto cordialmente antipatica alla sorellapreferita..... io però a onor del vero ero proprio stronza e me lo meritavo tutto, l'astio..... mi ricordo ancora uno scherzo da prete che le ho fatto.... nascosta sotto al letto le presi tutte e 2 le caviglie mentre lei andava a letto e si spaventò a morte....
non so se è peggio quella cosa lì o quando in tempi attuali le telefono alle 5 del mattino con le domande più astruse (qual è il nome del terzo re magio? melchiorre , baldassarre e poi????), pretendendo risposte sempre più che immediate... ( ma il babbo quando è morto aveva i baffi si o no?)io non so neanche perchè ci prova a rispondermi.... per sfinimento, forse....
comunque, tutte e due queste sorelle sono state e sono importanti nella mia vita...
...ruoli diversi.... caratteri diversi....orfeo e la cesira avevano a disposizione pregi, virtù e difetti.... non sono stati equi nel distribuirli.... in ogni caso io sono quella venuta meglio ( al terzo tentativo hanno raggiunto la perfezione, dico sempre.... )qualcosa in qua e là m'amanca....non so stendere il bucato in maniere perfettina come fanno loro ( stendo spettinata.....)... non so tenere in ordine perfetto la casa senza un granello di polvere, senza una cosa fuoriposto ( ma questo perchè sono maschio inside).... ma io c'ho la bellezza e la testa......
La bellezza veramente ce l'ha molto di più dinonelievitomadre.... occhi azzurri anche lei, molto meglio di culo tette e gambe... non un filo di cellulite anche adesso.... ma dinonelievitomadre lo sguardo da adescatrice non ce l'ha.... e alla fine io finisco col far credere a tutti, lei compresa, che sono meglio....
Quella di mezzo invece nella gara di beltà neanche ci prova di inserirsi....anche se pure lei c'ha il suo perchè.....guardateci qui.... saranno stati gli anni 80, o giù di lì...
..... eccoci in tutto il nostro splendore di 3 ocarotte della bassa
.....è stato più o meno in questo periodo che io ho iniziato a dire.... potremmo aprire un ristorante e chiamarlo le tre ocarine.....e loro : con te? neanche morte||||| invidiosse.... grandi invidiosse..... peggio di anastasia e genoveffa le 2 sorellastre di cenerentola......
...e allora io mi vendico.... con la prima.... che tutti reputano SANdinonelievitomadre...... guardate un pò qua.....erano anni che la tenevo in serbo questa foto....
... ed è venuto il suo momento..... e adesso come la mettiamo? dirai che è un fotomontaggio? negherai anche l'evidenza?
dai che è l'eccezione che conferma la regola..... e io son sempre quella che appena chiusa la porta delle scale per andare a letto ti dice : mi prendi in braccio?
e tu sbuffando come una ciminiera perchè peso un accidente mi porti sino in cima e mi addormenti.. son sempre stata ruffiana quanto basta.....
sorellapreferita.... perchè tremi?pensavo di farti recitare a memoria domattina alle 5 la donzelletta vien dalla campagna in su il calar del sole... ( a propò.... chi l'ha scritta?). Per il babbo noi siamo sempre state "cal ragazòli" quando parlava di noi con la mamma.... e per sempre tra noi "ragazòli" resteremo....
A te Dina devo tanto, e il peso della maggiore sicuramente non è stato leggero... ancora adesso mi stupisci con gesti di cui io non sarei mai capace, e così ti voglio bene, con la tua a volte insopportabile perfezione che rasenta il perbenismo, ma hai un cuore grande in cui tutti si rifugiano, e tuo è il compito di tenere unita la famiglia .... e la tradizione... sei e sarai sempre la memoria storica....
A te Irene invece il compito dell'eterna seconda.... quella che in polposiscion sta sempre con i muscoli ben caldi pronta a scattare e poi non scatta mai.... non è facile neanche questo compito... alla primogenita grandi compiti, grandi ruoli...
all'ultima la gloria e tutto il resto... in te deve stare tutto quel che c'è im mezzo, il pur importante ma banale quotidiano.... da uova e da latte devi essere... prendi le cioccate dalla prima e dall'ultima... ah sissi... proprio un bel ruolo, va pur là....se non ci fossi bisognerebbe inventarti...solo la pazienza di sopportare le mie telefonate ... e ancor peggio quando non telefono che chiami e mi dici: stai male?
adio, ragazòli, non so come fanno quelle che stanno litigate e non si parlano per anni, io non ne sarei capace....
Fiorella Mannoia, quello che le donne non dicono, tutors,perdono....

martedì 7 agosto 2012

GAETANO COLTIVATORE MAGICO

Gaetano è un ragazzo che ama il lavoro che fa. Casualmente, è anche mio cugino e casualmente ha realizzato il suo sogno in quel di Vedrana, mitico paesotto alle porte di bologna con molte influenze di Ferrara ( majal!!!!)che si dà il caso essere il mio paese di nascita. Io non l'ho mai frequentato molto, come peraltro faccio con tutti i componenti della mia famiglia ( c'è dinonelievitomadre che fortunatamente pensa a questo, io posso restare martabircchinabirriccò e gioire del fatto che tutto il parentado mi ricorda particolarmente bella e particolarmente solare ( c'ho il parentado con gli occhi lunghi lunghi.....in realtà vedono in me la parte allegra e bella di mio padre, capobranco riconosciuto da tutti......). Insomma, io gaetano me lo ricordavo così
due pezzi bianco azzurro, poi mio figlio, la sel ( la sel è come il prezzemolo....)e infine tommaso, fratello di gaetano....
Elmodiviaspinobianco una sera mi dice, sai, gaetano si è messo a coltivare i carciofi e ha una passione, una passione...
Me ne dice tante di cose, Elmodiviaspinobianco, che mi affascinano.... ma quella mi colpisce come una fucilata.... voglio andarlo a trovare, gli dico... voglio andare a vedere....
E così Martapoppins, cugina suonata, va a trovare Gaetanocoltivatoremagico.... e lo ritrova così


oh mamma.....sembra tutto mio padre nei tempi migliori..... anche mio padre fumava.... e mi mandava in bicicletta al bar del paese a comprare le nazionali con il filtro....non gliel'ho chiesto ma d'estate sicuramente si toglie la felpa e resta a torso nudo al sole.... la sua schiena ha la stessa conformità di quella di mio padre.... sarà bellissima abbronzata.... quanto mi piaceva lavargliela.... lui si abbassava in ginocchio alla mia altezza e a quella della catinella di latta piena d'acqua del pozzo messa a scaldare al sole e io , con le mie manine piccole dovevo lavargliela e togliere tutta la polvere, il fieno...ed era il mio compito , lo facevo solo io ( e sono sicura che a voi due ocarotte di sorelle maggiori non l'ha mai chiesto, pappappero, pappappero perchè io a mio padre ci sapevo cavare le mutande se volevo e voi schiattavate dalla rabbia peggio delle sorellastre di cenerentola, va mo là!). Non divaghiamo, insomma io mi trovo davanti questo pezzo di marcantonio e deglutisco.... lui mi guarda ,pensa questa è scema, ma da dove salta fuori, ma gli hanno insegnato l'educazione e se lo tiene per sè....
non ricordo tanto altro di quel primo incontro ( gli incontri magici devono restare in un alone magico, appunto....)so che ci diamo appuntamento al momento del raccolto dei carciofi, esattamente8/10 mesi dopo....
Passa il tempo e lui sicuramente si scorda di me, io no di lui e mi faccio viva.... a quel punto con dei doni, perchè si sa, io ho il pregio di inquadrare le persone al primo sguardo e quindi lo affascino, lo ammalio.... e io faccio la marmellata di peperoncino, e quella di cipolla e te le ho portate da sentire, sono sicura che ti picciono e via disscorrendo Martalastregona tesse la sua rete e gaetano ci casca come una pera cotta ( scema questa cugina, però forte..... forse c'è da imparare qualcosa....)
E' il primo giorno di raccolto..... me lo ricorderò sempre.... Gaetano mi regala un carciofo perchè io lo possa assaggiare.... me ne parla come di un figlio... ma dammi uno scarto dico io.... no, voglio che assaggi questo....
e io l'ho assaggiato, in purezza, crudo, con poco olio e sale e il grana a lato perchè non ne coprisse il sapore....
Magico, quel carciofo era magico.... e mi parte la parte del cervello incontrollabile.. quella che fa dire al maestro è fatta.... adesso nessuno la tiene più.....
e infatti nessuno mi ha tenuto....non avevo tempo a lavorare, ma ce l'ho messo, testarda e caparbia..... mia madre ha subito, se li è dovuta pulire e pelare tutti lei.... Gaetano chiamava.... ho dell'invenduto... dei carciofi con qualche pidocchio, dei bruttarelli, li vuoi? e io Pronto!!!!!!!!!!!!!! Cesiraaaaaaaaaaaaa seduta col coltello in mano e zitta!!!!
Non ho fatto tutto quello che volevo, e neanche sono riuscita a fargli per bene il resoconto, spero di poterlo fare a breve..... perchè lui possa capire come muoversi....
ma i carciofi al miele che parlano.....
Il maestro ama quei carciofi messi via così, gli sono sempre piaciuti....
ma a volte fare il maestro impedisce di essere obiettivi e quindi, li ha mangiati quando erano al meglio e nulla ha detto ( al punto che io ho pensato... ma mi sarò sognata tutto????), li ha criticati quando il prodotto, più avanti di maturazione diventa come dire "legnoso", e si è fermato lì.....
già ce l'aveva con se stesso per avermi insegnato la tecnica della polverina magica ( guarda, se mi rompi il cutter a forza di frullare giuro che te la faccio pagare!!! Maestro, ma cosa sarà mai un cutter.... si ricompra, no??? Martapoppins non si ferma certo per questo.....)insomma il maestro ha gioito, criticato ma nulla dei suoi pensieri ha dato.....
Per fortuna che ci sono gli altri.... quelli a cui ho regalato un vasetto e hanno assaggiato.....
Di Andreagodoacucinare ho già parlato nel racconto della polverina magica, ma voglio aggiungere quello che mi ha scritto sucessivamente, sperando di ricevere ancora qualche carciofo al miele....( attenti, quest'anno Martapoppins li regala, ma quest'altr'anno assieme a GaetanoMagico li venderà...... e c'avranno il loro bel pakaging ( Bertacin, ci metto pure la G perchè sei coinvolto d'ufficio, ridi pure...)
e dopo non ce ne sarà per nessuno..... le squadre forti si intuiscono subito e noi modestamente FUMMO.
Andreagodoacucinare ( e non solo, ci tiene a puntualizzare) mi scrive:
ok martapoppins ho letto nel tuo blog che mi hai citato....attendo i carciofi degli dei per accompagnarli a un carpaccio di cavallo, scaglie di castelmagno e mirtilli di bosco, flan di fiori di zucca.... e una leggera grattugiata di limone.... ATTENDO!!!!

e io qui gli rispondo..... ok, ma lo assaggeremo insieme e io mi permetto una variante....sostituiamo il cavallo con un carpaccio di selvaggina ( lavorata rigorosamente dalla donna cannone, of course....), si può?

E aggiungo visto che io il 2 settembre vorrei partecipare al CARISIDAY ( una giornata insieme al parentado organizzata , guarda caso dalla mamma di gaetano )
posso servirlo come antipasto annunciando ufficialmente che la genia dei Carisi si sta evolvendo migliorando assai al punto che son certa che I FRATELLI CARISI TUTTI ( Dinonelievitomadre aiuto, metti tu tutti i nomi io non mi ricordo neanche quanti erano....) NE SAREBBERO PIU' CHE ORGOGLIOSI??????
VOGLIO ANCHE I NOMI DEL NONNO E DELLA NONNA che io non ho mai conosciuto, ma che sono certa che quella donna mi sarebbe piaciuta assai.... solo una donna con le palle sforna figli come lei....
Termino chiedendo delucidazioni sulla storia del seme di carciofo che coltiva Gaetanomagico e chiedo gentilmente a Gaetano il titolo di una canzone che vuole come sottofondo a questo racconto...
e poi le foto del suo regno.... anche mio padre amava tanto gli animali come te, lunga vita a gaetanomagico!!!!!

















domenica 5 agosto 2012

OGGI PRIMO GIORNO DI FERIE VOGLIO RINGRAZIARE

BERTACIN, mio vecchio compagno di lavoro.....
ora dovete sapere che nella mia prima vita io mi sono iscritta a facebook.... ho tentato di cercare qualcuno, non l'ho trovato e mi sono detta..... ma che cosa inutile che è questa, è per ragazzini, io non c'ho tempo... e così l'ho archiviata per qualche anno.... poi il tempo passa e succede che la mia maturità va controcorrente....e adesso che io sono bambina fuori e adolescente dentro.... apprezzo certe cose....
bertacin me le fa trovare la mattina presto.... la musica in particolare..... quanti ricordi mi ha scatenato... poi non so perchè.... a volte mette delle stronzate ( bertacin, nessuno è perfetto.....) a volte dice cose serie....
Stamattina leggere questo mi ha fatto dire.... oh, devo condividere....
e lo dedico a tutti quelli che conosco.... perdeteci qualche minuto per leggerlo....

QUANDO HO COMINCIATO AD AMARMI

Quando ho cominciato ad amarmi davvero,
ho capito com'è imbarazzante aver voluto imporre a qualcuno i miei desideri, pur sapendo che i tempi non erano maturi e la persona non era pronta, anche se quella persona ero io.

Oggi so che questo si chiama "rispetto".

Quando ho cominciato ad amarmi davvero,
ho smesso di desiderare un'altra vita e mi sono accorto che tutt
o ciò che mi circonda é un invito a crescere.

Oggi so che questo si chiama "maturità".

Quando ho cominciato ad amarmi davvero,
ho capito di trovarmi sempre ed in ogni occasione al posto giusto nel momento giusto e che tutto quello che succede va bene.
Da allora ho potuto stare tranquillo.

Oggi so che questo si chiama "stare in pace con se stessi".

Quando ho cominciato ad amarmi davvero,
ho smesso di privarmi del mio tempo libero e di concepire progetti grandiosi per il futuro.
Oggi faccio solo ciò che mi procura gioia e divertimento, ciò che amo e che mi fa ridere, a modo mio e con i miei ritmi.

Oggi so che questo si chiama "sincerità".

Quando ho cominciato ad amarmi davvero,
mi sono liberato di tutto ciò che non mi faceva del bene: persone, cose, situazioni e tutto ciò che mi tirava verso il basso allontanandomi da me stesso; all'inizio lo chiamavo "sano egoismo",
ma oggi so che questo è "amore di sé".

Quando ho cominciato ad amarmi davvero,
ho smesso di voler avere sempre ragione.
E cosi ho commesso meno errori.

Oggi mi sono reso conto che questo si chiama "semplicità".

Quando ho cominciato ad amarmi davvero,
mi sono rifiutato di vivere nel passato e di preoccuparmi del mio futuro.
Ora vivo di più nel momento presente, in cui tutto ha un luogo.

E' la mia condizione di vita quotidiana e la chiamo "perfezione".

Quando ho cominciato ad amarmi davvero,
mi sono reso conto che il mio pensiero può rendermi miserabile e malato.
Ma quando ho chiamato a raccolta le energie del mio cuore, l'intelletto è diventato un compagno importante.

Oggi a questa unione do il nome di "saggezza interiore".

Non dobbiamo continuare a temere i contrasti, i conflitti e i problemi con noi stessi e con gli altri perché perfino le stelle, a volte, si scontrano fra loro dando origine a nuovi mondi.

Oggi so che tutto questo è la vita.

Charlie Chaplin - dal discorso celebrativo per il suo 70° compleanno

NON ASPETTIAMO DI AVERE 70 PER CAPIRE..... USIAMO SEMPRE L'ESPERIENZA DEGLI ALTRI...

martainferietrallalerotrallallà

tutors...... vorrei incontrarti tra cent'anni di RON....

lunedì 30 luglio 2012

FINALMENTE LA STORIA DEI 5 MAIALI seconda e ultima puntata

eravamo rimasti che martanarcisa arriva bella pimpante (storia di un catering, 23 giugno, prima puntata) all'incontro con il suo maestro , convinta in virtù delle sue precedenti esperienze di non aver quasi nulla da imparare. E' un mese o poco più che lavora con lui ( l'opinione che lui si fa di lei : appena appena fuori dallo schifo,però c'ha le palle.... ma ovviamente lei pomposamente non lo capisce) E' ancora però ubbidiente..... lui la vuole silenziosa e lei sta zitta...( da qui la famosa frase che il maestro dice sempre, quando ti ho conosciuta però non eri così......), lui dice cosa deve fare e lei lo fa.....un giorno stoicamente le mette in mano un salmone ed è ancora là che ride.....ma questo lui c'aveva a disposizione a quel tempo, e cercava di farselo bastare..... Succede che c'è un catering da 300 persone, per di più era pure suo amico.... e per tutta una serie di motivi che non sto ad elencare ( altri eventi in corso) lui ha a disposizione solo me e la storica sua aiutante per farlo....ora lo dico subito per chi non ha termini di paragone che in 3 si fanno bene fino a 150 persone, di più comincia ad essere veramente problematico in particolare se c'è da impiattare e noi lì avevamo da impiattare....ed erano 300....
il menù lì era composto dal solito aperitivo ricco , 2 primi serviti alla francese, un piatto di mezzo impiattato e 2 secondi più contorni vari serviti a buffet. Uno di quei 2 secondi era il maialino al forno, l'altro la tagliata non mi ricordo più con cosa......il maialino al forno   ( non ho foto dell'evento) è un maialino da latte con ossa dal peso che oscilla dagli 8 ai 12 chili che viene cotto intero o sdraiato su di un lato o a gambe aperte con la pancia a contatto della teglia
 
foto tratte dal web








Una cosa più o meno così..........  Insomma, lui guidava, lui dice andiamo noi 3 e io incosciente neanche mi sono preoccupata.... Partiamo, raggiungiamo questo castello nella bassa e si comincia...........immagino che si fosse preso del tempo e fosse presto, non me lo ricordo, so che io comincio a preparare l'aperitivo e a comporre i vassoi.... no così non mi piace... aspetta... più a sinistra, no più a destra.... questo giallo vicino al rosso nooooo che schifo aspetta che lo tolgo... poi prendo dalla borsa di martapoppins i miei attrezzi e comincio a temperare le carote.... riccioli di decori a destra e a manca, ah, nulla da dire, se voglio a fare i vassoi sono brava..... e il tempo passava..... e io vedevo il maestro andare e venire con questi maiali parzialmente cotti in parte di pancia in parte sdraiati... avanti e indietro... dentro da un forno, fuori dall'altro.... a volte arrivava con le patate... io guardavo e non capivo che il tempo passava, passava inesorabile e io non avevo il senso dell'evento.... sembravo una persona in prestito che non capiva.... Chi conosce il maestro sa che lui al contrario di me sta in silenzio, io sbraito sbuffo, corro..... lui calmo ( apparente ) silenzioso, sempre lo stesso passo e i maiali avanti e indietro che finiva di cuocere e metteva in caldo.... Ma il troppo stroppia.... e io lì a temperare e decorare perdevo tempo e neanche la metà dei vassoi che servivano avevo riempito.... quindi in silenzio mi si affianca e mi aiuta..... se le mie mani andavao a 10 all'ora, le sue facevano i 100... sicuramente i suoi vassoi non erano così curatissimi, ma c'erano!!!!! E mi comincia ad assalire l'ansia.... finalmente metto in moto il cervello.... cazzo, ma siamo solo in 3.... tra mezz'ora arrivano....ma siamo indietro, merda, siamo nella merda.....e comincia il ciapa ciapa ( circo di budapest, direbbe la donna cannone.....)Se io fossi stata al posto suo avrei cominciato col dire : Ciccia, è ora di cambiare marcia, i ricamini li fai quando te lo puoi permette, siamo indietro, non hai avuto il senso del tempo, se arrivano con 10 minuti di anticipo siamo nella merda, il buffet va riempito assortito e chi più ne ha ne metta.... e lui invece niente.... ( poi se ha la gastrite, voglio dire, uno non si deve stupire.....) tricchete tricchete...le sue mani andavano veloci e non diceva niente. L'ansia è diventata angoscia.... non ricordo se come aiuto sono stata quella che mi piace essere , pronta a capire cosa serve senza parlare, vuoi la ramina e io ce l'ho gia in mano.... serve il tegame , ecco non devi aspettare... parmigiano dentro o sopra? non lo so.... so che quando abbiamo fatto la catena e ci siamo messi ad impiattare il piatto di mezzo c'era una salsa da mettere, e questa la facevamo mettere a un cameriere.... io so che i camerieri vanno tenuti sotto controllo, perchè non hanno il senso della misura.....e vanno tenuti sotto controllo perchè magari a metà del lavoro ti dicono che il sugo è finito e tu non ne hai più......e quella è l'unica cosa che sono riusciuta a fare.... guardavo l'altezza delle pile dei piatti e dicevo si ce n'è ancora.... e ho comunicato sempre a michele il livello della salsa in modo che lui potesse dire si cosìì va bene, mettine un pò di meno o un pò di più.....Poi viene il momento della tagliata..... il problema del buffet è che deve essere riempito e inevitabilmente tutto deve andare fuori insieme.... Magicamente i maiali, le patate, e gli sformati erano pronti e caldi ( ma io, dove cazzo ero che non me ne sono resa conto....) le tagliate erano state portate alla temperatura che voleva lui e andavano rosolate.... ed ho visto la tecnica , tecnica di cui mi sono subito innamorata, perchè mi sembrava magico che io con 2 sole padelle riuscissi a fornigli tagliate e  temperatura perfetta che lui tagliava e impiattava......Sono giunta alla fine del banchetto stremata e sconvolta.... Lui bello come il sole dice, ragazze, vi lascio a sistemare la cucina , caricate le ultime cose rimaste ( non c'è volta che faccia un banchetto, il maestro che non aiuti a caricare e a sistemare, onore al merito, questo va detto....) io vado all'altro banchetto in corso..... A quel punto m'ha preso la stupidera e ho cominciato a ridere da pisciarmi addosso ( non mi ricordo se avevo salva slip....)... io non avevo forze, non riuscivo quasi a muovere le gambe, ma lui come cazzo faceva ad avere tutta quell'energia.... eppoi.... ma che pazzo è stato, che rischio ha corso a fare un banchetto così con noi 2 sceme perfettamente non all'altezza dell'evento..... no no no .... io non ce la farò mai ad essere come lui....ma allora non posso essere in grado di fare questo lavoro.... non sarò mai all'altezza....esssi....proprio una bella sberla......
me ne sono andata a casa con la coda tra le gambe....e tutte le volte che c'era un banchetto io dicevo ci sono dei maiali? quanti maiali ci sono? E il primo banchetto che ho fatto come capobanchetto.... che angoscia....il tempo..... il senso del tempo... è la prima cosa che insegno.... perchè la seconda reazione è stata.... ma perchè non si può iniziare prima.... io addirittura andavo oltre, dicevo, ma io vado prima anche se non mi paghi, mi sento più sicura.... e anche quello è sbagliato.... perchè le tempistiche sono strettamente legate anche al prezzo del prodotto che fornisci, e il lavoro che sta dietro è giusto che sia retribuito e se uno che ne sa più di te ti dice che nel tempo calcolato ci si sta bene tu devi stare in quei tempi.....insomma una lezione con i controcazzi quella volta..... e io ho sempre detto che sono stata lì lì per mollare questo lavoro per colpa di quei 5 maiali.....
Qale è la morale?
- anche gli angeli piangono.....
- bisogna non essere mai presuntuosi e avere l'umiltà di apprendere da chi ne sa più di te...
- se lui ce la fa, e non è mandrake, prima o poi ce la farò anch'io.... ( a parte sbaffare i salmoni, non ce la possofà..... e prima di dirlo guardate, c'è stato un periodo a quei tempi che ne compravo uno a settimana per esercitarmi.... la mia famiglia lo odia ancora il salmone.....)
-il superfluo va fatto DOPO che è stato fatto l'indispensabile anche se fare l'indispensabile piace meno

....stretta la foglia, larga la via, dite la vostra che ho detto la mia.....
come canzone tutors, mi mettete i Rem - everybody hearts - se è possibile.....
Martaei5maiali

lunedì 23 luglio 2012

LEZAR AL SPAGAT- LEGGERE LO SPAGHETTO

E' un pò che latito ( diciamo impegni di lavoro che faccio prima) e quindi ricompaio con un pistolotto anzichè un racconto.... ho ancora in sospeso alcune cose da dire su quanto ha scritto Claudia a proposito dei ragazzi di vent'anni.... Io qualcosa da dire ce l'ho non con i ragazzi ma con la mia generazione, ho da dire qualcosa ai genitori.... a quelli nati attorno agli anni 60 che stanno dimostrando di non essere capaci di fare i genitori.
Leggere lo spaghetto lo diceva mio padre quando doveva sgridare ( è qualcosa di diverso dal fare la predica, è una sgridata vera e propria... ho cercato il detto sui testi bolognesi che ho, ma non  ho trovato riscontro...). Abbiamo abituato i nostri ragazzi ad avere tutto, non sono più capaci di sognare, desiderare qualcosa e conquistarsela a poco a poco.....non sanno essere felici di niente, è tutto dovuto....
I giovani devono credere di avere il mondo in tasca, è l'età che gli dà questo slancio e di per sè  sarebbe una cosa positiva se poi.......non crollassero come birilli alla prima difficoltà e fossero del tutto incapaci di rialzarsi. E' dovuto avere dei soldi in tasca, è dovuto avere la macchina, i divertimenti, le vacanze, i capi firmati....eppoi? eppoi la noia....si uccidono di noia....ed è tutta colpa nostra.
osservate invece i ragazzi che si differenziano : sono quelli che hanno già sofferto....sono caduti e hanno avuto la forza di rialsarzi, sono quelli che hanno alle spalle famiglie meno fortunate, che magari tante cose non potevano permettersi di concedergliele e quindi si sono messi in gioco e hanno già assaggiato il duro gioco della vita che dà ma spesso prende tanto. Mi dispiace ma cado sempre in questo ragionamento, bisogna prima soffrire per comprendere a pieno come è bello quando si sta bene...
E allora dedico questo racconto a Costailgreco, un ragazzo tra i tanti che per restare a bologna a studiare senza pesare sui genitori greci fa il cameriere....
oh....la fame di costa è proverbiale.....deve avere il verme solitaario...
Ho conosciuto lui e il fratello ( adesso già medico in quel di Padova)agli inizi della mia carriera di cuoca ( cuoca? che ridere...., insomma dico cuoca per semplicità) e i primi servizi li ha fatti in agriturismo con me.
Me lo sono ritrovato dopo qualche anno  ed è stato un piacere.... due ragazzi d'oro , testardi, con una volontà di ferro.... ho conosciuto i loro amori ( Lore, chissà che fine hai fatto, anche tu che coraggio....), visto i loro errori, la loro non voglia di imparare bene l'italiano ( è terribile questa cosa, e sono in tanti a fare così....)

...guardateli questi ragazzi che mangiano in piedi come i cavalli dietro le quinte..... loro non hanno tempo di annoiarsi....
...un pensiero particolare alle ragazze.... è un mondo di maschi questo... perche il lavoro nel catering è faticoso.... e la cameriera è ritenuta vezzosa... e allora per farti valere devi essere due volte più brava.....
sono poche le ragazze che ci sono e pochissime quelle che fanno i capiservizio (una l'ho conosciuta, ed è particolarmente brava, ma adesso mi sfugge il nome....un'altra lo potrebbe diventare, basta che si decidesse.....) anche queste..... ragazze con le palle.....
vorrei che i miei tutor mettessero come sottofondo demis russos e gli aphrodites child in omaggio ai miei camerieri greci... Buona fostuna Costailgreco, se ce la farai a diventare medico e verrai a casa mia a visitarmi, ricordati di aprire il frigo e mangiare quello che vuoi. Un bacio .
Martacheavoltedicecoseserie

lunedì 16 luglio 2012

QUESTA VOLTA MI SERVE COLLABORAZIONE

e vi pregherei se possibile di vincere la timidezza e di dire la vostra.
Sto parlando della POLVERINA MAGICA.....
Chi mi è venuto a trovare durante il porte aperte ai girasoli ne ha avuto in regalo un vasetto, con la preghiera di testarmelo....Io adesso avrei deciso il pakagin e il prezzo di vendita - 4 euro - vi metto una foto indicativa e vi chiedo il vostro parere spassionato.... la comprereste? ( indicativamente dose per 8 persone)
e cosa c'avete fatto con quella che vi ho dato?
Qui di seguito il commento di mia sorella DINONELIEVITOMADRE ( noi il cucinare l'abbiamo nel sangue...). I suoi spunti mi sono piaciuti e devo dire che mi piace sempre di più il percorso di mia sorella. lei va veramente ad istinto....anche con il lievito madre lei ha ottenuto risultati con l'istinto di gran lunga migliori dei miei ( lei lavora solo con le mani, niente elettrodomestici.... lei lavora un piccolisssimo quantitativo di lievito,quindi più difficile da gestire e da tenere sotto controllo,  io quantità molto più grandi, e mi muovo solo studiando gli altri e acquistando libri su libri, ho sempe avuto l'animo della secchiona, io....percorsi diversi ma passioni uguali.....). comunque ecco qua...
Cara Martaqualchetvutè,

feedbak esperimenti…
Sabato Giugno 9 :
1° esperimento : -acqua +due cucchiaini pieni di polverina,cotto un po’,asciugato il liquido,aggiunto butirro,farina,latte,ottenuta la besciamella verde. Messo a bollire i pomodori ricci , comprati a luglio 2011 a Marradi, con un po’ di olio,mischiato alla besciamella e conditi i maccheroni.  Risultato : SUPERRRRRSQUISITIIIIIIIII.
Poi ripetuto per Petra e Alessandro alle  14,30   ,con un preavviso di 10 minuti…… il nostro ristorante fa orario continuato …..siamo flessibili : HO FATTO UN GRANDE FIGURONE.
Petra ha detto che ha mangiato i carciofi in purezza ,super squisiti.

Domenica,Giugno 10 :
2° esperimento :-cotto la cipolla con acqua poi olio e vino. Nel tegame 2 acciughe siciliane sotto sale ,la cipolla e la polverina,conditi gli strozzapreti fatti al momento. OTTIMI.
I carciofi fritti ,ottimi, e il purè con la polverina invece dei soliti budinetti cretini.

At salut,o cum a gi a Borg Panighel, ARVADRES.


lei parla anche dei carciofi al miele..... non so se riuscirò veramente a commercializzare anche quelli quest'anno, perchè sono in tiratura veramente limitata e forse non vale la pena che impazzisca col pakagin... devo dire che comunque anche i carciofi al miele sono superbi.... ecco il commento di Andreagodoacucinare :
i carciofi che nmi hai dato ieri non possono chiamarsi come tali.....perchè hanno il dono di essere UNICI....mai sentito niente di più buono... ecco se un giorno devo pensare al paradiso terrestre lo vorrei circondato di tanta meraviglia.... bravisssssssima....
Non è tutto merito mio, credetemi..... intanto tantissimo va alla materia prima ( stasera vi parlerò di gaetano magico coltivatore....) poi la ricetta da cui ho tratto spunto è una ricetta di Anna Gennari, da me modificata, ma comunque devo dare onore all'origine.... eppoi.... io credo molto nelle sinergie, nelle condivisioni.... quando l'ho provata ho detto..... questi sono speciali, ho fatto una cosa davvero grande.....devo parlare a tutti di Gaetano...altro sognatore.... che vuole mettere su una piantagione di carciofi a Vedrana......
Quindi chi li vuole assaggiare si faccia avanti,di questi carciofi al miele  ne dispongo tirature limitate ( è giusto che le materie preziose siano desiderate....)
E' tutto.... tutor non so che musica mettere come sottofondo.... lascio fare a voi....

sabato 14 luglio 2012

BUON COMPLEANNO SUPERVINC

te lo ricordi il centrino che mi hai regalato???? per me tu sei bella così.....
 di cuore, auguri.
.... a tutte le cose belle che abbiamo fatto insieme......
2004.....alla dondina....toh.... il bicchiere in mano!!!

la cim.....
ancora cim....

ma che bellino questo cartoccino... l'avevo fatto io o la nastraia?

strudel di pane perfetto, madame.....
                                                                            5 cerri....quando la squadra lavora,       non ce n'è per nessuno...

...5 cerri...
....i piatti....
lina la maialina nel lago di cioccolata......


ALLORA???? QUANDO SI RIPARTE PER UNA NUOVA AVVENTURA?

martedì 10 luglio 2012

UNO e Molteplice


Spesso si incomincia e manco si è a metà dell'opera, perchè non si capisce dove  si finisce. Un filosofo poi, specie se è maschio, ( quasi tutti lo erano e lo sono, poche le donne chissà perchè...in realtà è ben chiaro, filosofeggiare richiede tempo e "fancazzismo" da vendere ed è noto che le donne hanno sempre avuto ben altro a cui pensare, diciamo meglio dovuto pensare e fare), ha una prerogativa è generalista e tuttologo, non per sua volontà conscia, sia ben chiaro, siccome pensa di sapere di tutto un poco, ma non è esperto di nulla, imposta il suo modello di pensiero, la catena delle idee, la nuvola delle ipotesi, il concreto delle tesi, da cui deriva che spiega tutto o niente. Quindi il primo  tema è semplice esistenza o non esistenza, uno o zero, tutto o nulla.
Detta così... basta che uno.... visto che quella mattina si è"ancora" svegliato ( e gli è andata di lusso, perchè non è detto che succeda sempre) scelga se è tutto o niente, uno o zero, e intanto ha deciso che esiste, quindi è dentro la vita, la sfiga è che la vita è molteplice, la seconda è che gli danno pure l'illusione che ha scelto di vivere....sta pippa del destino ( il Karma che così bene capiscono gli orientali) ogni tanto lo annichilisce, però per fortuna torna a lottare e usa il destino come scusante ( famoso: si vede che era destino!). Poi c'è sta stronza della Morte ( brutta con la falce che ti aspetta con un'aria da sfiga infinita, che ti vien proprio da odiarla, così d'istinto), spiegatelo te che sei  ( come dice il maestro di vita, qui tutor musicale ) a scadenza, e porca puttana (scusate, ma chi lo dice che sono delle poco di buono, nel mondo liquido del relativismo tutto è poco giudicabile, e la vita spesso ce lo dimostra ....pipponcino sociologico breve....) come è difficile metterselo in testa, pensavo che i greci per esorcizzarla ci hanno messo il carico delle famose tragedie (appunto) greche, quindi catarsi a go-go, almeno si dicevano muoiono sul palco, così intanto è solo una rappresentazione....però è passato alla storia il concetto del destino tragico dei greci, invece sta sfiga tocca a tutti non solo ai Greci ! Intanto non pensarci sempre ci lascia  spazio per il Molteplice che ci circonda, e qualche cosina buona ce la troviamo ( piccole cose dice Claudia, sesso o ex sesso dice Marta di fretta, lotte senza resa dice Claudia, giornate di sole e lunghi sorsi assaporati di vino dice Marta Poppins quando è ferma, poi molti incompiuti gesti e umani sforzi a corollario del quotidiano e infine quelle che ci sembrano grandi cose e gesti che decidono le svolte della nostra vita), in fondo però quella è sempre lì a far capolino, e allora di cosa ho bisogno ? Del tutto e del niente, finalmente l'essenza ultima passare dalla esistenza alla non esistenza,  e qui si sono incartati tutti (filosofi vari e non ) chi più chi meno: Dei, Universo (troppo piccolo), DIO ideona, Platone e la sua IDEONA, Epicuro non porsi il problema, IL CERCHIO che si chiude, Il Nuovo Viaggio ( ci dicessero dove, saremmo più tranquilli, noi siamo materiali, qui sta storia dello spirito, dell'anima eterna che vaga (in viaggio?) non è mica tanto facile da digerire così in una sola vita), la soluzione tutta orientale la REINCARNAZIONE ( Allora è risolta ? ....Mica tanto e se poi sono scarafaggio !! ( è vero che ogni scarrafone è bello a mamma soia)...innanzi tutto chi è la mamma, mi sa che lo scarafaggio non la riconosca; quindi tutta quella storia della Zia, Mamma, Nonna va, come dire a farsi fottere, scusate il francesismo "Farsi" ) . Ragazze e ragazzi ho il timore che  la soluzione non la trovo tanto facilmente, come al solito il filosofo mette giù due o tre pippe di idee e ti lascia col cerino in mano, è un bello Stronzo (quasi come la Morte) ti spara lì in ordine di apparizione : Filosofia (nasce grande come dice Emanuele Severino), Esistenza, Uno, Zero, Tutto, Niente, Vita, Destino, Morte, Idee,DIO .....e pipponi suoi.... Ma alla fine un pizzico di serenità agognata la vuoi lasciare a sto Blog. che fino ad oggi era solo di Femmine e di Anonimi (maschi)? Ma sì, va là, allora:  se ci mettiamo tutti assieme nell'UNO che contiene il Molteplice (compresi Femmine e Maschi, l'umanità), smettiamo di sentirci superiori al resto, un bel colpetto per andare più avanti  (non estinguerci precocemente come specie pensante sulla Terra) possiamo felicemente darlo!!!! Qui la solita Marta che ci vede più di molti, ha ragione : son di fretta, non abbiamo più molto tempo,  il banchetto ha da essere allestito, bisogna sbrigarsi. arriva l'uragano, il Maestro si è perso e l'Incompiuto cazzeggia e il Filosofo fancaz e il Tutor sta cercando la musica.....!!!!

Che un sorriso allieti il vostro bel viso saremo tutti più belli

Non mi firmo in verticale per dispetto, così lo farà Marta .....che invidia.... quella pippa di Filosofo

lunedì 9 luglio 2012

BENEDETTI 20 ANNI!!!

Questo pensiero è rivolto ad una ragazza che ho aiutato nella preparazione dell’esame di maturità ma, in generale, a tutti quei ragazzi in questa fascia d’età. 

Sto invecchiando, inesorabilmente! Mi rendo conto di vedere le cose sotto punti di vista che non avevo mai considerato, sento di aver svoltato da quella fase in cui si ha solo da imparare a quella in cui invece senti di aver qualcosa da dire. 
Non ho la presunzione di insegnare nulla a nessuno, anzi sono convinta che ognuno debba imparare dalle proprie esperienze e dai propri errori e che ci siano “errori” che non ci insegnano mai nulla perché continuiamo a commetterli giorno dopo giorno. 
 Con questo pensiero non voglio insegnare nulla ma vorrei riuscire ad istillare nel sangue di questi giovani una goccia di buonumore e di voglia di vivere, vorrei far capire loro che, come diceva Oscar Wilde, vivere è la cosa più rara al mondo e la maggior parte delle persone esiste ma non vive. 
Se oggi mi fermo e mi chiedo cosa cambierei della mia vita passata mi rispondo che probabilmente non cambierei nulla, la rivivrei così come l’ho vissuta con gli alti e i bassi, con le gioie e con i grandi dolori, con le persone che ho incontrato durante il cammino belle o brutte, con i mariti e compagni di vita che ho avuto, con le esperienze di lavoro, con i sorrisi, con i grandi pianti e con le follie. Con le depressioni, le sconfitte, le ripartenze e le grandi gioie. Tutto nella vita mi ha insegnato qualcosa e di ogni esperienza finita mi dicevo: “metti in saccoccia quello che ti ha lasciato e vai avanti”. Sono terribilmente cocciuta e caparbia, ho dei grossi limiti, mi impongo regole e mi arrabbio se non le rispetto, sono poco malleabile con me stessa e moltissimo con gli altri…sono un po’ sopra le righe…ed è questo che mi fa andare avanti! Tutto questo me lo ha insegnato la vita, non mi sono mai arresa, ho sempre lottato e continuerò a farlo, non mi sono mai sentita arrivata perché l’arrivo è la fine del viaggio e io voglio correre e, quando non riuscirò più a farlo, camminare e poi passeggiare ma mai fermarmi. 

A questa ragazza, così fragile ed insicura con una paura grande della vita io non voglio insegnare nulla, sarà la vita a farlo, voglio solo dirle che non si dovrà mai arrendere, che dovrà imparare a tirare fuori se stessa, a camminare ritta a testa alta e con lo sguardo fiero. Lei ha tanto di bello dentro di se e nemmeno se ne rende conto, cerca di riempirsi la vita, che le pare inutile con la ricerca del corpo perfetto, con il desiderio di possedere quello che i suoi coetanei hanno, con la voglia di andarsene lontano. Tutto giusto, o quantomeno giustificabile a questa età ma deve restare in questa età e non condizionare la vita futura. Bella sei dentro, hai molto da dire e chiunque ci metta la voglia di ascoltarti capisce che arriverai lontano, che le carte le hai e ci arriverai anche senza l’iphone o l’ipad, ci arriverai perché tu ci vorrai arrivare. E troverai chi nella vita ti apprezzerà per quello che sei realmente, qualcuno che saprà guardare oltre perché avrà occhi abbastanza furbi per vedere oltre e orecchie abbastanza lunghe per ascoltare quello che non dici e……un cuore abbastanza grande per volerti bene. Vivi! Non lasciare che la vita ti viva, non permettere che gli altri decidano per te, scontrati, combatti per i tuoi sogni per affermarti nella vita e poter dire “io sono qui! Ci sono, esisto ed ho grandi cose da dire!” Lotta per riuscire ad affermarti come persona, prima di tutto per te stessa e poi eventualmente per gli altri, cerca te stessa realizzando i tuoi sogni, le tue ambizioni, fallo per te! Sempre e solo unicamente per te! E’ forse l’unico caso in cui essere egoisti non è sbagliato!!!  Resta sempre affamata di vita, non considerarti mai arrivata, metti fantasia in quello che fai, ricorda che sono le cose piccole quelle che riempiono la vita,  sii folle se serve ma non smettere mai di vivere! 
Allora e solo allora ti renderai conto che le mode da seguire, il mito del corpo perfetto, i giudizi degli altri, il bisogno di essere come la massa saranno tutte cose senza senso, solo allora ti sentirai bene con te stessa, libera di esprimerti a 360 gradi , di esplodere nel meglio di te stessa e non sarai più questa piccola stella senza cielo.

ZiaClaudia